PANTHEON

Redazione

30 Marzo 2020

1 commento

Alcuni monumenti di Roma sono di indescrivibile bellezza e il Pantheon è di sicuro uno di questi. Situato in una piazza che si apre all’improvviso tra i vicoli del centro storico, eccolo che si erge in tutto il suo fascino e splendore.

Prima di entrare, gratuitamente, al suo interno, si può optare per una pausa seduti in uno dei tanti locali che incorniciano la piazza, o sulla fontana centrale… sempre se c’è posto!

Un po' di Storia del Pantheon

La sua storia e certamente lunga, vedremo solo alcuni punti salienti.

Il Pantheon risale alla Roma antica, eretto in origine come tempio dedicato a tutte le divinità. Come possiamo leggere nell’iscrizione originale, l’edificio fu fondato da nel 27 a.C. da Agrippa, genero di Augusto.

L’iscrizione latina riporta:

M•AGRIPPA•L•F•COS•TERTIVM•FECIT, ossia: «Marcus Agrippa, Lucii filius, consul tertium fecit», «Lo costruì Marco Agrippa, figlio di Lucio, console per la terza volta»

Dopo esser stato danneggiato dagli incendi, fu fatto ricostruire dall’imperatore Adriano tra il 120 e il 124 d.C..

È composto da una struttura circolare unita a un portico in colonne corinzie che sorreggono un frontone. La grande cella circolare, detta rotonda, è cinta da spesse pareti in muratura e da otto grandi piloni su cui è ripartito il peso della caratteristica cupola emisferica in calcestruzzo che ospita al suo apice un’apertura circolare detta oculo, che permette l’illuminazione dell’ambiente interno. L’altezza dell’edificio calcolata all’oculo è pari al diametro della rotonda, caratteristica che rispecchia i criteri classici di architettura equilibrata e armoniosa.

A quasi due millenni dalla sua costruzione, la cupola del Pantheon è ancora oggi una delle cupole più grandi di tutto il mondo, e nello specifico la più grande costruita in calcestruzzo romano.

Una curiosità: la leggenda dice che, nonostante l’apertura data dall’oculo, nel Pantheon non entri l’acqua piovana. Sarà vero?

Per altri cenni storici e informazioni utili vai al sito ufficiale.

Ristoranti e negozi in zona

Per farvi un’idea su come impiegare il tempo libero durante il vostro soggiorno romano in zona, abbiamo realizzato questa mappa riassuntiva.

Cosa Fare vicino al Pantheon

cosa fare a piazza navona

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *